In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Belluno esonera Canzian Al suo posto c’è Bertocco

Volley B2 donne. La rabbia dell’ex coach, avvisato telefonicamente da De Mari «Zero rispetto. Volevano la promozione in B1 con una palleggiatrice di 16 anni?»

di Nicola Pasuch
1 minuto di lettura

BELLUNO. È rottura tra la Pallavolo Belluno e l’allenatore della formazione femminile di B2 Alberto Canzian. La squadra targata Cortina Express è stata affidata a Rossano Bertocco, che nei recenti trascorsi all’Imoco volley di Conegliano ha conquistato il titolo di campione d’Italia, una Supercoppa italiana e una Coppa Italia.

Canzian era approdato alla Pallavolo Belluno quest’estate. Sabato scorso il sestetto di B2 è stato battuto 3-0 dalla capolista Giorgione. In quindici giornate Canzian ha ottenuto 21 punti frutto di 6 vittorie e 9 sconfitte. «La Pallavolo Belluno», si legge nella nota ufficiale della società, «comunica di aver interrotto la collaborazione con il tecnico Alberto Canzian, allenatore della formazione di B2. Lo staff ringrazia Canzian e gli formula i migliori auguri per il prosieguo della propria carriera. La formazione Cortina Express di B2 viene affidata a Rossano Bertocco, già impegnato in una collaborazione con alcune formazioni giovanili di Pallavolo Belluno».

Il presidente del Belluno, Andrea Gallina, preferisce non commentare telefonicamente e rinvia al comunicato della società. L’ormai ex allenatore, Alberto Canzian, invece, racconta la sua delusione. «La decisione mi è stata comunicata per telefono e non conosco ancora le motivazioni», spiega Canzian, «anche perché gli obiettivi, ovvero la salvezza e far crescere le atlete, li stavamo raggiungendo, tutti insieme. Non so se la società sia delusa dei risultati. Fatto sta che mi ha chiamato Giambattista De Mari: prima mi ha detto una cosa sull’aspetto economico, poi mi ha detto che da stasera sarei stato libero e che la settimana prossima ci sarebbe stato un incontro».

Canzian ripercorre la stagione dal suo punto di vista. «Quest’anno è stato molto difficile per tanti motivi, tra cui le partenze di alcune giocatrici, però il gruppo continuava a lavorare e a fare il suo. Ero contento, perché stavamo migliorando. Poi, naturalmente, la società può fare quello che vuole ed è più che legittimo. Avevo chiesto qualche rinforzo, ma è stato preso solo un secondo palleggiatore, due settimane fa. Forse con un solo palleggiatore, per giunta di 16 anni, pensavano di essere promossi in B1?».

L’analisi finale del tecnico uscente è tagliente. «Come fa un movimento a crescere se cambi due allenatori in due anni? Il tempo dirà chi aveva ragione. Probabilmente il Belluno ha individuato Bertocco, che è un’ottima persona e un allenatore di altissimo livello, e ha deciso di non farsi sfuggire questa occasione. È stata preferita l’ingordigia del risultato al rispetto delle persone».

I commenti dei lettori