In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Belluno ai playoff contro l’ex Paganin

C maschile. Cadono Loreggia e Bassano e i ragazzi di De Battista (vincenti a Padova) strappano il pass per gli spareggi

2 minuti di lettura

PADOVA. L’ultima giornata di regular season sorride al Belluno, che espugna il PalaSpiller di Padova e conquista il quarto posto del girone che vale l’accesso ai play-off, grazie alle contemporanee sconfitte di Loreggia e Bassano.

Le assenze di Zanolli e Schiano (squalifica) e Milani (infortunio) costringono coach De Battista ad affrontare il match con un solo libero (Altoè) e tante incognite rispetto ad avversari giovanissimi e poco esperti ma assolutamente decisi a vincere la sfida per evitare i play-out. Nel primo set è monologo bellunese, nonostante un break locale costruito dalle battute di Salmaso, poi i Padovani replicano nel periodo successivo, vincendolo principalmente grazie alla buona vena di Gottardo. Nel terzo set il dominio a muro (ben 7) porta ad un largo vantaggio, poi confermato anche nell’ultima frazione. E ora il sogno continua...

«Quest’anno siamo arrivati in semifinale di Coppa Veneto, dove siamo stati eliminati dal Faizané, che poi l’ha vinta e che ha vinto anche il trofeo del Triveneto ed ha conquistato il campionato a mani basse. E siamo arrivati quarti in campionato, con il raggiungimento dei playoff. Siamo evidentemente soddisfatti ed abbiamo festeggiato questo traguardo».

C’è giustificata euforia in casa Pallavolo Belluno. Coach Eric De Battista, che un anno fa ha trascinato in serie C il sestetto del capoluogo, e che quest’anno l’ha portato a giocarsi gli spareggi-promozione, non nasconde la sua gioia.

«Una qualificazione inaspettata? In realtà solo fino a un certo punto – commenta l’allenatore – perché noi dovevamo fare tre punti a Padova e vedere cosa succedeva. Sapevamo che se avessimo vinto, come è stato, avremmo avuto ottime chances di qualificarsi. Soltanto se Mestre avesse battuto il Loreggia 3-2 e se Bassano avesse vinto a Campodarsego saremmo arrivati tutti a 35 punti e saremmo rimasti fuori come sesti classificati. Invece Mestre, che ha fatto un girone di ritorno pazzesco, si è imposto 3-1 e, grazie alla vittoria del Campodarsego, abbiamo scavalcato anche il Bassano, andandoci a riprendere quel quarto posto».

Il Belluno ottiene così una qualificazione ai playoff di serie C che mancava da otto anni. E chi incontrerà nella prima fase dei playoff? La migliore seconda, ovvero il Portogruaro del bellunese Alex Paganin. Si giocherà in casa della meglio classificata, il Portogruaro appunto, sabato 5 maggio.

«Siamo entusiasti – conferma De Battista – di quanto siamo riusciti a fare finora. La qualificazione è frutto di una signora partita in casa del Padova, una squadra giovane che dopo aver fatto pochi punti all’andata si è rifatta al ritorno e stava bene. I playoff saranno una cosa diversa dal campionato. Giocheremo in gara secca, a quanto sembra proprio in casa del Portogruaro di Paganin, una signora squadra».

Entusiasta anche la società bellunese.

«È un risultato straordinario – commentano i dirigenti – se si pensa che i nostri ragazzi hanno affrontato questo campionato di serie C da neopromossi».

Tra i numerosi ringraziamenti, anche uno particolare ad Alessandro Della Vecchia «che dopo quasi tre anni di stop si è messo a disposizione della squadra in questa ultima fase come secondo palleggiatore per sopperire alla lunga assenza di Andrea Milani». (n. p.)

I commenti dei lettori