«Non siamo mai stati veramente pericolosi»