Schirru ci rimette lo scalpo «Splendidi i nostri giovani»