Battute pesanti sul Padova sorride il Da Rold Belluno

La squadra gialloblù decide la seconda partita della sua stagione da fondo campo Pronto riscatto dopo il debutto negativo di sette giorni prima con il Massanzago



Buona la prima. Il Da Rold Belluno riprende da dove aveva lasciato trionfalmente nel maggio scorso con la promozione in serie B: la vittoria. «Le vecchie abitudini fanno fatica a morire» dice un vecchio proverbio: cambiano gli interpreti, ma non il risultato. Alla prima stagionale, davanti al pubblico amico, i bellunesi riscattano la sconfitta contro il Massanzago di sette giorni fa e conquistano la prima vittoria in coppa Veneto ai danni dei giovani U20 del Kioene Padova.


Una gara mai in discussione, anche se equilibrata, con i padroni di casa bravi a spezzare il ritmo della partita con una battuta che risulterà decisiva. Il sestetto che mister Poletto schiera al De Mas presenta tre novità: in regia l’esperto Colussi, la nuova coppia di centrali con il rientrante Paganin e il mancino Piazzetta, e l’opposto Boz mentre i “reduci” sono le due bande Candeago, capitan Gallina e il libero Schiano. Se la prima stagionale era stata di rodaggio un po’ per tutti, la gara con i giovani patavini è la giusta occasione per testare i nuovi equilibri e gli automatismi che verranno.

I padroni di casa partono forte e con la battuta al salto di “Candy” Candeago trovano due ace consecutivi e il 6-1 parziale. Il Da Rold Belluno spinge e con i punti di Boz, cercato e trovato spesso da Colussi, si porta sul 12-7. Un super Candeago in battuta fa terra bruciata e altri due ace di fila, 17-11 e break di 4-0. Il solito Candeago chiude il primo set, 25-21.

Nel secondo parziale, gli ospiti partono spavaldi e si portano avanti. Piazzetta seppur non efficacissimo in attacco, a muro si fa sentire. Il set si gioca punto a punto fino ad un nuovo ace di Candeago (a fine gara saranno otto per lui sui 12 complessivi di squadra) e due punti di capitan Gallina, 16-12. Nel finale altre due battute vincenti stavolta di Boz e due attacchi di Paganin permettono ai gialloblù di dilagare, 24-16 e secondo parziale in saccoccia.

Nel terzo set entra Foroni per Gallina in banda, mentre nel finale Burigo rileva Paganin. Il leit motiv dell’incontro non cambia: i padroni di casa forzano e trovano la battuta con Candeago ma gli ospiti non mollano. A rompere l’equilibrio stavolta è un ace di Colussi (21-18); ci pensa Piazzetta con un bel primo tempo a chiudere set e incontro, 25-21. —

Video del giorno

Incendi in Sardegna, il rogo a pochi metri dalle case di Porto Alabe

Spigola in crosta di pomodorini secchi e pistacchi

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi