Belluno Da Rold incontenibile liquidato anche il Massanzago

Quarta vittoria consecutiva per gli uomini di coach Poletto che vincono in rimonta Prossima sfida con Treviso che segue a tre lunghezze. «Contenti della reazione»

BORGORICCO

La Da Rold Logistics Belluno non cade nella rete giallonera tesa dal Massanzago e conquista la quarta vittoria consecutiva, confermandosi la squadra da battere nel girone D1 del campionato nazionale di serie B maschile.


I ragazzi di coach Diego Poletto, sconfitti nel primo set, reagiscono alla grande e nei tre successivi parziali fanno dimenticare in fretta le difficoltà patite in avvio di partita. Candeago (21 punti) e compagni tornano così da Borgoricco, dove si è giocata la partita valida come ultima giornata del girone d’andata, con un 3-1 che li proietta a quota 12 punti in classifica.

E sabato, nella prima del girone di ritorno, arriverà al palasport De Mas quel Treviso che insegue i bellunesi a tre lunghezze di distanza.

Sabato sera, intanto, la formazione bellunese ha dovuto fare a meno del suo centrale Piazzetta, ancora indisponibile. Nel sestetto iniziale, pertanto, la coppia di centrali era formata da Paganin e Burigo, con Colussi e Boz a comporre la diagonale palleggiatore – opposto e il tandem Candeago – Seveglievich (33 punti in due) sulle bande. Il primo set, dunque, è coinciso anche con il primo “alt” di questa stagione. Massanzago, che arrivava da due sconfitte, non ha fatto sconti in avvio di partita e ha messo (solo apparentemente) in discesa l’incontro, imponendosi 25-15. Ma la superiorità dei padroni di casa si è esaurita nei primi 23 minuti di gara. Perché poi è uscita la reazione d’orgoglio della squadra di Poletto. Che ha dominato il secondo set (25-20) e, sullo slancio della rimonta realizzata, ha messo la freccia nel terzo e quarto parziale, imponendosi prima per 25-20, poi per 25-19.

«Come sapevamo, i nostri avversari sono una squadra molto solida, soprattutto per quanto riguarda certi elementi. Sono partiti per fare la loro partita», commenta il team manager Alessio Bortoluzzi, «ed hanno vinto il primo set meritatamente, basti pensare che hanno commesso appena due errori. Noi abbiamo un po’ subìto la loro pressione. Nel secondo, invece, abbiamo chiarito le cose con i ragazzi. Abbiamo iniziato a guardare il nostro campo e da lì in poi abbiamo fatto una gran partita. Abbiamo rimesso in carreggiata la partita e poi l’abbiamo dominata sul piano mentale. Abbiamo capito che dobbiamo guardare solo il nostro campo, senza farci troppo influenzare dagli avversari e da quello che succede dall’altra parte della rete. Alla distanza, questa strategia ha pagato».

Per la prima volta, la squadra è stata costretta a ribaltare lo svantaggio iniziale… «Siamo molto contenti della reazione dei ragazzi. Aver perso quel primo set ci ha fatto vedere che i ragazzi sanno reagire, e la loro è stata una risposta forte e chiara. Poi, per la verità, non è che potessimo aspettarci di uscire sempre dal campo col 3-0, come era accaduto nelle prime tre giornate di campionato».

Treviso, Trieste e Portogruaro (prima di Massanzago, ieri) erano state sconfitte dai bellunesi. Sabato arriverà proprio il Treviso, nella prima giornata del mini-girone di ritorno. «In un girone corto come quello di quest’anno, ci troviamo subito di fronte le squadre affrontate all’andata. Tutti hanno necessità e voglia di fare punti e certamente è così anche per il Treviso, una squadra di giovani molto forti che sicuramente saranno migliorati rispetto alla partita d’esordio. Mi aspetto una gara molto complicata. Ma non dobbiamo pensare troppo a quello che fanno gli avversari: cerchiamo, invece, di continuare a far bene noi». —





Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi