Marcolin: «È un buon punto con un avversario difficile»

CAMPODARSEGO

«Viste le caratteristiche del terreno di gioco, piccolo e pesante, possiamo di dire di aver giocato bene», spiega Agostino Marcolin, come sempre tra le pedine chiave dei sedicensi, «per tutta la partita abbiamo dovuto rincorrere palle lunghe e traversoni, noi che siamo abituati a impostare tutto palla a terra».


Il suo giudizio finale sulla partita del San Giorgio? È un pollice alzato, scandito da un po’di soddisfazione come pure da autocritica.

«Certo, potevamo portare a casa l’intera posta in palio e non ci sarebbe stato nulla da dire. Ma trattandosi di una trasferta contro una diretta avversaria, ci può andare bene il pareggio. Soprattutto se penso che altre volte abbiamo perso per un’azione in contropiede come quelle che abbiamo subito oggi. Pertanto ce ne andiamo da Campodarsego sapendo di aver fatto il nostro, ma con la consapevolezza di poter sfruttare di più le nostre potenzialità».

Marcolin conferma la bontà del nuovo corso portato avanti da mister Tiozzo.

«Lui ha introdotto una ventata di modernità nell’interpretare il calcio, avanti così».

Quanto ai momenti di nervosismo, soprattutto verso la fine del primo tempo, non se ne preoccupa più di tanto.

«Forse l’arbitro poteva ammonire di più, ma credo che abbia diretto bene».

È invece visibilmente contento il compagno di squadra Simone Simoni, tra i migliori in campo: ha bloccato con disinvoltura alcune pericolose ripartenze e sfiorato addirittura il gol.

«Il tecnico mi sta dando molta fiducia e mi aiuta sempre a migliorare. E io cerco di ripagarlo. Per me è la seconda partita da titolare, mi sto ambientando bene dopo il poco spazio ricevuto all’inizio e il brutto periodo da cui venivo».

È partito subito con il piglio giusto, nonostante avesse “clienti” difficili come Akammadu da seguire.

«È un attaccante forte, strutturato, qualche difficoltà all’inizio c’è stata. Ma sono sceso in campo con tanta grinta e la voglia di dare il meglio, alla fine sono riuscito a prendere le misure dei miei avversari». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi