Contenuto riservato agli abbonati

Ipotesi girone: le trivenete sono diciannove. Una potrebbe spostarsi in Lombardia

La Coppa inizia il 5 settembre, campionato al via dal 19

Diciannove squadre. Il numero più complicato da gestire per la Lega Nazionale Dilettanti, anche se in fondo il collocamento nella geografia del prossimo campionato dipende da un ragionamento complessivo a livello nazionale, non territoriale.

Di sicuro le trivenete che hanno diritto a prendere parte alla prossima serie D sono in quella collocazione a metà tra il girone a 18 e il raggruppamento a 20, lasciando quindi spazio ad ogni possibile soluzione.

ECCOLE

Nella D 2021-2022, lo ricordiamo, giocheranno Dolomiti Bellunesi (provincia di Belluno), Campodarsego, Este, Luparense (Padova), Adriese, Delta Porto Tolle (Rovigo), Montebelluna (Treviso), Clodiense Chioggia, Mestre, Spinea (Venezia), Ambrosiana, Caldiero Terme, San Martino Speme, Sona (Verona), Arzignano, Cartigliano (Vicenza), Levico Terme (Trento), Cjarlins Muzane e Manzanese (Udine).

Sono le stesse della passata stagione, con l’eccezione delle tre neopromosse dall’Eccellenza, ossia le venete San Martino Speme e Spinea e la trentina Levico Terme. C’è anche il Sona, l’unica triveneta partecipante al girone B nel torneo da poco concluso. Hanno invece lasciato il Trento, salito in C, e le retrocesse Chions e Virtus Bolzano. Tra di esse, l’unica che potrebbe fare domanda di ripescaggio è la Virtus Bolzano, ma sembra trattarsi di un’ipotesi remota al momento.

SOLUZIONI

Dunque quali potrebbero essere le prospettive? Per avere un girone a venti squadre occorrerebbe inserire una lombarda od una emiliana, scegliendo tra le più limitrofe ai confini regionali. Anche se sono davvero rari i casi in cui si sono verificate scelte simili in passato.

Appare invece molto più probabile il dirottamento di una squadra in Lombardia. Lo scorso anno toccò al Sona, che fu separato dalle altre veronesi un po’ a sorpresa. Potrebbe ricapitarle la medesima sorte, oppure l’altra indiziata è il Levico Terme. Le trentine a rotazione vanno in Lombardia a giocare e stavolta essendocene solo una sarebbero presto fatti i conti.

Di sicuro sembra difficile il girone C venga composto da venti squadre per la terza volta consecutiva, con conseguenti quattro partite aggiuntive e l’indubbio aumento dei costi. Tra l’altro la stagione prenderà il via il 19 settembre e si andrà incontro all’ennesimo tour de force, sperando però non vi siano più così tanti recuperi come nell’annata appena trascorsa.

La stagione prenderà il via invece domenica 5 settembre con il turno inaugurale della Coppa Italia. In base al regolamento della manifestazione sapremo nelle prossime settimane se sarà quella la data dello storico debutto della Dolomiti in un match ufficiale.

Video del giorno

Italian Tech Week 2021, la conference con Elon Musk e i protagonisti dell'innovazione

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi