Contenuto riservato agli abbonati

Specia porta a casa lo scudetto. Impresa anche di Savi: è terzo

Giada Specia (al centro) sul podio degli italiani

Nella U23 la pedavenese ha dominato relegando la seconda a più di tre minuti. Sabato nella Elite Master il portacolori dell’Agordina ha offerto una grande prova

Giada Specia si laurea campionessa italiana mtb U23 a Bielmonte, in provincia di Biella, in un weekend che si era aperto sabato con lo splendido terzo posto di Nicola Savi tra gli Elite Master.

Nella gara femminile Under 23, la pedavenese Specia ha dominato staccando nettamente tutte le inseguitrici, inclusa la compagna di squadra Nicole Pesse (seconda ad oltre tre minuti di distanza dalla feltrina). Tra gli Elite, Giorgia Marchet (Team Rudy Project) ha portato a casa un buon sesto posto nella gara femminile vinta da Eva Lechner mentre, nel maschile, Mirko Tabacchi si è attestato al settimo posto (primo Nadir Colledani). Ma è stato Nicola Savi, sabato, a far parlare di sé issandosi sul terzo gradino del podio nella gara degli Elite Master. «Sentire l’inno ed essere lì su quel podio», ha commentato affidando le sue emozioni ai social, «è sempre una grandissima emozione. Purtroppo non sono arrivato in partenza al 100% a causa di un infortunio venti giorni fa che mi ha procurato una rottura del tendine flessore dell’indice della mano sinistra e quindi ho dovuto correre con il dito steccato. Ma con il supporto e il sostegno della famiglia e di tutte le persone intorno sono riuscito a restare concentrato per arrivare al meglio delle mie possibilità a questo evento, per me il più importante della stagione a livello sportivo».

Quella di Bielmonte è stata senza dubbio una gara dura, contrassegnata da salite lunghe e strappi ripidi. Savi l’ha saputa interpretare nella maniera migliore, finendo un’ottima medaglia di bronzo.

Classifiche

U23 femminile: 1. Giada Specia (Ktm Protek) 1. 15. 11, 2. Nicole Pesse (Ktm Protek) 1. 18. 17, 3. Francesca Saccu (Ktm Brenta) 1. 22. 11.

U23 maschile: 1. Juri Zanotti (Ktm Protek) 1. 12. 48, 2. Simone Avondetto (Trek-Pirelli) 1. 13. 19, 3. Emanuele Vittone (Ktm) 1. 15. 20, 21. Lorenzo Lazzaretti (Sogno Veneto) 1. 26. 17.

Elite maschile: 1. Nadir Colledani (Factory racing team) 1. 26. 06, 2. Luca Braidot (Santa Cruz) 1. 26. 32, 3. Daniele Braidot (Carabinieri) 1. 27. 49, 7. Mirko Tabacchi (Ktm Protek) 1. 32. 51, 17. Lorenzo Dal Piva (Team Rudy Project).

Elite femminile: 1. Eva Lechner (Cs Esercito) 1. 31. 18, 2. Marika Tovo (Ktm) 1. 31. 30, 3. Martina Berta (Cs Esercito) 1. 32. 25, 6. Giorgia Marchet (Team Rudy Project) 1. 44. 42.

Elite Master: 1. Lorenzo Guidi (Cycling team Zerosei) 1. 20. 29, 2. Luca Celli (Avis Pratovecchio) 1. 21. 00, 3. Nicola Savi (Cicli Agordina) 1. 21. 39, 4. Cristian Vaira (Team Todesco) 1. 22. 10, 5. Giacomo Sbrocca (Zeroemezzo racing team) 1. 24. 12.

Junior maschile: 1. Yannick Parisi (Cicli Lucchini) 1. 04. 25, 2. Matteo Siffredi (Scott) 1. 05. 18, 3. Marco Betteo (Racing team Rive rosse) 1. 05. 44, 62. Mattia D’Isep (Pedale Feltrino), 85. Francesco Perco (Pedale Feltrino). —

Video del giorno

Il rinoceronte operato di cataratta: per Hugo un'anestesia che ucciderebbe 14 persone

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi