Contenuto riservato agli abbonati

Belluno in A3, il primo rinforzo è Graziani. Da Rold: «Siamo con le grandi del volley»

Il presidente della Pallavolo Belluno Sandro Da Rold

Il presidente ha partecipato alla prima assemblea in Lega. «Già proiettati al 10 ottobre, per la prima di campionato». Seveglievich lascia la squadra e giocherà in A2

È Alessandro Graziani il primo volto nuovo della Da Rold Logistics Belluno, che affronterà il prossimo campionato di serie A3 di volley maschile. Lo schiacciatore genovese arriva dal Portomaggiore (club ferrarese che sarà tra i futuri avversari della Pallavolo Belluno) ed è stato il primo giocatore a firmare con la squadra del capoluogo bellunese neopromossa dalla serie B. Classe 1991, 193 centimetri d’altezza, curriculum di tutto rispetto, vanta anche una promozione dall’A2 alla Superlega con la maglia di Siena. La sua esperienza nei campionati dalla serie A3 in su potrà tornare estremamente utile al club bellunese.

Per un laterale che arriva, uno che parte. Non sarà presente nella rosa 2021-22 targata Da Rold Logistics, infatti, lo schiacciatore padovano Nicolò Seveglievich, che si era aggiunto alla squadra esattamente un anno fa. Per il giocatore classe 1996 di Camposampiero, scuola Pallavolo Padova, si dovrebbero aprire le porte di un club di serie A2. Intanto, per la Pallavolo Belluno si sono aperte, anzi spalancate, le porte di via Giuseppe Rivani, sede della Lega Pallavolo di serie A, dove ieri si è riunita l’assemblea elettiva. Massimo Righi, a tal proposito, è stato confermato presidente.

Tra i votanti c’era, per la prima volta, anche il massimo dirigente della Pallavolo Belluno, Sandro Da Rold. Giusto un mese fa, Da Rold era a Bologna per assistere alla finale d’andata dei playoff di serie B. Ieri, il patron della Pallavolo Belluno si trovava ancora nel capoluogo emiliano, ma seduto accanto ai presidenti di tutti i club italiani di serie A maschile. Appena qualche ore prima, lunedì, la commissione preposta aveva ufficializzato l’ammissione della Da Rold Logistics al prossimo campionato di A3 maschile.

Che effetto le ha fatto sedere tra i presidenti delle società di serie A? Ma soprattutto, che effetto le fa aver riportato la serie A a Belluno?

«Abbiamo fatto i salti mortali per arrivare in tempo a concludere tutti i passaggi necessari ad iscriversi all’A3, inclusa la costituzione di una nuova società. Ora ci siamo: sediamo a tutti gli effetti nell’assemblea della serie A, che comprende i club di Superlega, A2 e A3, ed abbiamo lo stesso diritto di voto, per dire, di club come Perugia o Macerata».

Al di là del rinnovo dei vertici, cosa è emerso da questa prima assemblea?

«È emerso che c’è e ci sarà tanto interesse attorno a questo sport e che la Lega intende acquisire i diritti tv per trasmettere le partite dei campionati di serie A, non solo di Superlega. Ci sarà, insomma, tanta visibilità, per noi e per la nostra realtà, e questo non potrà che farci piacere».

In quale momento, nei giorni scorsi, avete cominciato a tirare un sospiro di sollievo e sentirvi veramente certi sull’iscrizione al prossimo campionato di A3?

«Direi che il momento in cui abbiamo tirato il fiato è stato venerdì scorso, quando abbiamo visto che, tra tasse d’iscrizione, fideiussioni, società di capitali e organigramma, eravamo davvero riusciti a farcela. In quel momento abbiamo pensato: ce l’abbiamo fatta. E ora siamo già proiettati al campionato, che inizierà il 10 ottobre».

Ora che la Lega pallavolo ha certificato l’ammissione della Pallavolo Belluno alla prossima serie A, quali obiettivi vi ponete per la nuova stagione?

«Ora che siamo in serie A l’idea è quella di disputare un primo campionato di verifica, per così dire: un campionato, intendo, nel quale cercare prima di tutto di capire qual è il livello delle avversarie, per poi ‘forzare la mano’ l’anno successivo e provare ad andare oltre. Ma questo primo anno servirà anche e soprattutto a strutturare adeguatamente la società. La squadra c’è. Stiamo chiudendo gli ultimi accordi con gli ultimi giocatori e presto avremo definito l’organico della prossima stagione».

Una nuova pagina della pallavolo bellunese sta per essere scritta. Il capitolo precedente si è chiuso con la cavalcata del Da Rold Belluno ai playoff di serie B. Dopo aver eliminato Valsugana, Ferrara e Monselice, i bellunesi si sono arresi al golden set contro Bologna. Ma avranno ben presto l’occasione di rifarsi. Già l’anno prossimo. In serie A3. NICOLA PASUCH

Video del giorno

Torino, i cinghiali in città rovesciano i cassonetti in cerca di cibo

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi