In 800 dall’Italia e non solo Il vice sindaco De Francesch «Una vetrina di valore»

L’Amministrazione di Alpago confida in un ritorno a livello turistico L’assessore Cosa: «Qui gli atleti tornano poi anche in vacanza» 

L’INTERVISTA

Ancora una volta l’Alpago si è confermata terra ad hoc per ospitare eventi sportivi. La Triathlon Sprint Gold Silca cup, con 800 partecipanti da diverse parti d’Italia e anche dall’estero, ha riscosso plauso unanime e si avvia a divenire un appuntamento fisso nell’estate.


«Siamo contenti di ospitare questa manifestazione importante che dà lustro al nostro territorio», commenta Vanessa De Francesch, vicesindaco di Alpago, «grazie ad un evento come questo possiamo spingere sull’acceleratore del turismo sportivo. Il triathlon è sicuramente una vetrina di valore, una bella opportunità per portare le persone a conoscere e a frequentare il nostro bellissimo lago, cosa non scontata, soprattutto in epoca Covid».

Le fa eco Federico Costa, l’assessore al Turismo.

«Chiudiamo un weekened di triathlon che ci ha regalato spettacolo agonistico e una grande partecipazione di atleti che hanno apprezzato la location del lago di Santa Croce e hanno soggiornato nel nostro territorio», dichiara, «ancora una volta lo sport porta con sé un importante indotto economico, non solo nei giorni di gara, ma anche dopo, nel senso che i triathleti poi tornano, sia per allenarsi e sia per trascorrere del tempo libero con la famiglia».

Soddisfazione anche nelle parole della società organizzatrice, la Silca Ultralite Vittorio Veneto guidata da Aldo Zanetti.

«Abbiamo vissuto una due giorni davvero emozionante, aperta sabato dai 150 ragazzini dell’Aquathlon Kids. Poi la Triathlon Sprint Gold Silca Cup, il record di iscritti e una gara di alto livello, con atleti che frequentano il circuito internazionale», sottolinea l’organizzatore trevigiano, «sono state gare combattute, fin dalla frazione di nuoto. Abbiamo vissuto una giornata di sport, colori, spettacolo, in una location sempre apprezzatissima. Siamo quasi tornati alla normalità. Non resta che dare appuntamento al 2022, per un’altra grande edizione».

«È stato bellissimo aver iniziato questo weekend di gare con le competizioni giovanili», commenta il presidente del Comitato Veneto della Fitri, la federazione del triathlon, Leonardo Franco, «questo dell’Alpago è ormai un appuntamento diventato storico, che tra l’altro, proprio lo scorso anno, è stato tra i primi eventi di triathlon dopo il lockdown, a dimostrazione, una volta di più, della qualità organizzativa di Silca Ultralite Vittorio Veneto».

Hanno apprezzato la Conca e il lago di Santa Croce anche gli atleti. Ecco i due vincitori. «Sono venuto qui in Alpago convinto di trovare un’organizzazione perfetta come alla Coppa Europa di Caorle e con un livello tecnico valido», ha detto al termine della gara Lehmann.

«Sono reduce dalla Coppa Europa di Tiszaujvaros e ho deciso all’ultimo di essere qui in Alpago», ha detto Francesca Crestani, ventunenne di Marostica, studentessa universitaria in scienze e tecnologie alimentari. «La location è proprio bella e l’organizzazione di Silca è sempre al top e mi sarebbe dispiaciuto non esserci». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Il rinoceronte operato di cataratta: per Hugo un'anestesia che ucciderebbe 14 persone

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi