Canottieri, derby già alle spalle. Dal Farra: «Vogliamo i playoff»

Kevin Dal Farra

Uno dei migliori in campo nella gara vinta sabato a Sedico parla da veterano. «Era una partita molto sentita, i nuovi si sono inseriti molto bene»

È stato uno dei migliori in campo nel derby vinto sabato. Kevin Dal Farra è il secondo giocatore della Canottieri Belluno di più lunga militanza continuativa con lo storico club del capoluogo.

Era arrivato nel torneo 2013-2014, quello dell’A2 affrontata con soli italiani e conclusa con l’inevitabile retrocessione.

Solo capitan Moreno Reolon ha più anni in biancoblù di lui e di Gabriele Savi, a proposito di canottieri di lungo corso. Dopo alcune stagioni di B, tra salvezze quasi mai davvero complicate e piazzamenti a metà classifica, ci tiene come i compagni di squadra, lo staff e i dirigenti a provare ad agguantare i playoff.

Una questione di prestigio e competitività. Di certo il 3-2 al Palaricolt contro la Giorik Sedico ha certificato un avvio di torneo niente male. Non è il migliore degli ultimi anni, perché il campionato passato era cominciato con cinque vittorie su cinque. Però in un girone equilibratissimo i sette punti ottenuti sui nove disponibili non sono niente male. Sabato intanto arriva il Palmanova, appaiato in classifica e tra le sorprese di questo mese di ottobre.

TESTA ALLA PROSSIMA

«E proprio al Palmanova dobbiamo pensare, non più al derby», evidenzia Dal Farra. «Già lunedì sera all’allenamento abbiamo chiuso il capitolo Sedico, in quanto tra pochi giorni ci attende un altro impegno complicato».

Vero, però diventa impossibile non tornare sul successo in casa dei cugini, davanti a 450 spettatori. I derby aggiungono prestigio e valore ad una stagione, se riesci a vincerli.

«Inutile negare che ci tenessimo in modo particolare. Si è sviluppata la consueta sfida tirata, da cui diventa sempre complicato emergere. Le squadre erano contratte, si fatica a vedere giocate particolari. L’importante ad ogni modo è averla portata a casa».

In estate è proseguita la consueta filosofia societaria, volta alla conferma di gran parte del roster. Gli innesti sono stati quelli del giovane Bardini, del brasiliano Robinho e dell’argentino Normanno.

«Tutti e tre si sono inseriti bene in organico. Nel nostro gruppo ci aiutiamo a vicenda e l’integrazione di chi arriva diventa più semplice».

PLAYOFF

Il quinto posto ha rappresentato a lungo un sogno l’anno passato, salvo sfumare in extremis proprio ad appannaggio del Sedico. Stavolta la Canottieri non vorrebbe lasciarsi sfuggire l’opportunità di allungare la propria stagione. Senza dimenticare che le prime quattro a fine andata prenderanno parte alla Coppa Italia di categoria.

«Ci piacerebbe andare agli spareggi, vero», conferma Dal Farra. «Però occhio alle contendenti, tutte di valore. Le stesse neopromosse vantano rose di tutto rispetto e si sta sviluppando un campionato parecchio equilibrato. Perciò va bene cercare di mettere subito assieme più punti possibili».

Serve comunque migliorare su alcuni aspetti, senza dubbio.

«Di solito fatichiamo a prendere gol, invece ne abbiamo già concessi otto. Serve ritrovare la compattezza migliore. Già da sabato».

Piccoli segreti per fare il salto definitivo tra le favorite del girone.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Vasco Rossi in concerto a Trento: il ritorno live è un successo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi