Fiori Barp, impresa storica. Tonus: «Dal 3-0 al 3-4? Ancora non ci credo»

Foto di gruppo per il Fiori Barp dopo la rimonta sul campo dello Julia

Il fantasista racconta l’incredibile match in casa dello Julia Sagittaria. «Questa vittoria vale molto più dei tre punti ottenuti in classifica»

Venezia – Verona? Oppure Delta - Montelluna in serie D? No, questa è stata ancora più epica.

Parliamo di Julia Sagittaria – Fiori Barp, anch’essa pronta a passare alla storia di questa stagione sportiva per una rimonta eccezionale, compiuta tra l’altro in trasferta.

Da 3-0 per la squadra di casa a 3-4 a favore degli ospiti. Nel caso specifico hanno esultato i sedicensi, che tra l’altro a differenza del Verona passato allo stadio Penzo si sono dovuti costruire qualcosa di straordinario in inferiorità numerica.

Spettacolare davvero il successo dei bluarancio sul campo dell’ex seconda in classifica, ora scavalcata dallo stesso Fiori Barp. Il quale rimane all’inseguimento del Limana Cavarzano, al momento capolista con tre punti di vantaggio. Ma una vittoria come quella di domenica dà una spinta morale pazzesca.

A raccontarci le sensazioni del giorno dopo è Giovanni Tonus, autore di una doppietta su rigore. A proposito, breve riepilogo: lo Julia era in vantaggio 2-0 all’intervallo e in occasione del secondo gol era avvenuta l’espulsione causa proteste di Soppelsa, oltre a quella con la stessa motivazione di Pellicanò dalla panchina. Ad inizio ripresa, ecco il 3-0 veneziano, e nel Fiori Barp non avrebbe forse scommesso più nessuno, considerate pure le pesanti assenze.

Invece hanno accorciato Costa dalla distanza e Tonus dal dischetto, prima del pari capolavoro da quasi metà campo di Vallata e del gol del definitivo sorpasso ancora di Tonus.

«Ad essere sincero, fatico ancora a realizzare come possa essere accaduta una cosa simile», commenta il fantasista, tra i trascinatori della compagine di Mas di Sedico. «Quando siamo tornati negli spogliatoi per l’intervallo, ci siamo detti che il nostro obiettivo per la ripresa era quello di riuscire in qualche modo a tenere viva la partita, provando magari a segnare un gol».

Tutto il contrario di quanto avvenuto dopo un minuto, in realtà.

«Pronti via abbiamo incassato il 3-0. Ma proprio lì è scattato qualcosa nella nostra testa. Abbiamo avuto la fortuna e bravura di segnare due goal ravvicinati, e in quel momento è stata presa consapevolezza da parte di tutti che si poteva uscire con qualcosa. È avvenuto con una rimonta da ricordare a lungo».

Si temeva il Fiori Barp pagasse dazio al tris subito nel derby, un paio di giornate fa. Inoltre nello scorso turno i sedicensi avevano pareggiato con il Vazzola.

Se da una parte l’obiettivo salvezza restava e resta già quasi ottenuto, dall’altra vi era il rischio di dover quasi dire addio al sogno di restare incollati ai cugini più a lungo possibile. Adesso le prospettive cambiano in modo radicale.

«Questa affermazione vale molto di più dei tre punti aggiunti alla classifica. Non stavamo affrontando un gran periodo, sia per egli ultimi risultati sia per parecchi infortuni e assenze varie. Ora abbiamo compreso una volta in più che siamo un gruppo in grado di ottenere qualsiasi risultati, se ci crediamo», ammette Tonus.

Parlare di permanenza in categoria, come detto, appare ora riduttivo. Nessuno sognava la vittoria del campionato, ed ancora resta un traguardo per il quale sono altre le favorite. Ma se tra un paio di mesi la situazione fosse identica, o magari addirittura migliorata…

«Non siamo lassù per caso. E la classifica certo, la guardiamo. Penso sia giusto guardare e guardarsi dalle posizioni vicine, piuttosto che quelle più lontane. Abbiamo battuto in un modo indimenticabile una delle formazioni più attrezzate ad andare in Eccellenza. Qualcosa vorrà pur dire…».

COMANDANO LE BELLUNESI

Limana Cavarzano primo a quota 27 punti, Fiori Barp secondo a 24. Al terzo posto ecco lo Julia Sagittaria a 23, più staccate le altre. Domenica tutte e due andranno in trasferta, tra l’altro.

Il Limana Cavarzano va a giocare in casa del Lovispresiano, ultimissimo e che ha vinto solo una volta a fronte di nove sconfitte. Okay le insidie e l’imprevedibilità del calcio, ma è chiaro come i giallorossoblù debbano evitare passi falsi.

Il Fiori Barp invece sarà ospite del Fossalta Piave, fino a qualche giornata fa tra le migliori quattro della classifica ma reduce da tre sconfitte in serie.

 

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi