In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
skyrunning

Super Giulia Pol alla Cima d’Asta. La limanese veste il tricolore

L’atleta di Limana ha frantumato il record della competizione

Luca De Michiel
1 minuto di lettura
La felicità di Giulia Pol 

CASTELLO TESINO

Una strepitosa Giulia Pol domina la quinta Cima d’Asta Skyrace, frantuma il record della competizione e si laurea campionessa italiana under 23 di skyrunning.

Domenica da incorniciare per l’atleta limanese che s’impone nella sfida extreme di 27 km su un percorso con 2400 metri di dislivello. La 23enne di Limana ha chiuso la gara in 4h13’24”, un tempo di ben 14’18” inferiore rispetto al record precedente che apparteneva a Martina Cumerlato.

Grande successo per la competizione in terra trentina organizzata dallo Ski team Lagorai Tesino, che ha visto in gara complessivamente 250 atleti contando anche i partecipanti del tracciato più corto. Il percorso si è sviluppato in un contesto paesaggistico straordinario, con il transito incantevole sulla Cima d’Asta, a 2.847 metri di quota, vetta simbolo della catena del Lagorai. Una gara durissima che ha messo alla prova i corridori e che è stata decisa proprio nella lunga prima parte in salita.

I passaggi a Forcella Magna (2125 m) e al Canalone dei Bassanesi (2486 m) sono stati due punti fondamentali e decisivi sia per la gara maschile, vinta dal brianzolo Luca Del Pero, sia per quella femminile. Si sono registrati distacchi rilevanti tra le donne con Giulia Pol, già vincitrice dodici mesi fa della gara corta, che ha fatto una prova in solitaria dal primo all’ultimo metro, conquistando così anche il pass per i campionati mondiali di skyrunning.

«Vincere il titolo italiano under 23 era il mio obiettivo stagionale», ha dichiarato l’atleta bellunese, «ma non mi aspettavo certo di mettermi al collo anche la medaglia d’oro assoluta. Sono molto soddisfatta anche per il tempo che ho realizzato. Nella prima parte di salita ho corso assieme alla seconda, poi ho allungato perché stavo bene prendendo un buon margine. Non nascondo che in cima ero un po’ in sofferenza, ma poi il tifo dei miei amici mi ha rigenerato. Sono proprio orgogliosa della mia gara».

Tra gli altri bellunesi al traguardo c’era anche Stefano Dal Zotto che ha chiuso la sua prova nella 27 km in 71ª piazza assoluta, classificandosi 64° tra gli uomini e chiudendo in 5h20’32’’. Termina invece 97° Stefano Marcello Burlon che fermando il crono in 5h59’35’’ finisce 86° nella classifica maschile.

I commenti dei lettori