Social network

Il mondo secondo Facebook: “Solo 3 messaggi su 10mila sono venati d’odio”

(afp)
Comunicati i nuovi dati sulla moderazione dei contenuti. Secondo il social network ormai la stragrande maggioranza di contenuti dannosi verrebbe bloccata prima della pubblicazione dall’intelligenza artificiale. Un’attitudine e dei risultati molto se non troppo diversi rispetto a quanto emerso nei Facebook Papers
3 minuti di lettura

Sembrano appartenere a due universi distinti: da una parte le accuse mosse da Frances Haugen, l'ex manager di Facebook che ha passato al Wall Street Journal (Wsj) quelle migliaia di documenti interni noti come Facebook Papers; dall'altro i numeri che la stessa compagnia comunica in fatto di lotta all'odio online e alle discriminazioni. Stando all'ultimo "rapporto sull'applicazione degli Standard della Comunità", gli algoritmi della multinazionale di Mark Zuckerberg sarebbero infatti sempre più efficaci.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori