Steve Jobs rivive online: nasce l'archivio dedicato al fondatore di Apple

Steve Jobs rivive online: nasce l'archivio dedicato al fondatore di Apple

Presentato proprio mentre a Cupertino arrivava l'iPhone 14, è un'iniziativa voluta da familiari e amici di Jobs, perché la sua vita e le sue idee siano d'ispirazione alle giovani generazioni

1 minuti di lettura

Mentre su giornali, riviste e siti web di tutto il mondo si moltiplicavano i titoli sul nuovo iPhone 14, è nato un sito dedicato a Steve Jobs. Lo Steve Jobs Archive è un’iniziativa degli amici e della famiglia per onorare il fondatore di Apple, scomparso il 5 ottobre 2011 per un tumore al fegato. Secondo Laurene Powell Jobs, l'archivio è "nato dall'idea di Steve che, al di fuori del mondo naturale, tutto l'ambiente costruito e tutti i sistemi che governano la nostra vita sul pianeta sono stati realizzati da altri esseri umani. Una volta acquisita questa consapevolezza, si capisce che l'essere umano può modificarlo, intervenire su di esso, porlo in discussione e cambiarlo. In questo modo si realizza il progresso dell’uomo".

La vedova di Jobs è intervenuta a un evento della Code conference 2022, insieme al Ceo di Apple Tim Cook e all'ex capo del design Jony Ive. I tre hanno parlato dell'eredità di Steve Jobs e dell'impatto che ha avuto sulla vita di tante persone. "La mia speranza è che l'Archivio sia un luogo in cui trarre ispirazione dalla vita e dal lavoro di Steve, stimolando le nuove generazioni a dare il proprio contributo al nostro futuro comune", ha aggiunto Laurene Powell Jobs. 

Al momento il sito è molto semplice. Si apre con una poetica e-mail inedita che Jobs ha inviato a se stesso sulla sua ammirazione per l'umanità. Si trovano poi diverse citazioni di Jobs, tra cui alcune tratte dal suo famoso discorso all'università di Stanford. Ci sono anche diversi video e clip audio. "Anche se abbiamo alcuni oggetti e materiale reale, l'archivio è molto più incentrato sulle idee", ha spiegato Powell Jobs. Per ora non si trova quasi niente che non sia stato già visto o sentito, ma in futuro arriveranno materiali inediti. 

E soprattutto, l'archivio svilupperà anche programmi, iniziative, collaborazioni e borse di studio rivolte alle nuove generazioni, “con rispetto per il passato ed entusiasmo per il futuro”, come si legge nelle note. 

L’iniziativa è privata e personale, come tutte quelle che riguardano la memoria di Steve Jobs, e non coinvolge Apple, anche se ovviamente non può prescindere dalla storia della più grande invenzione di Jobs. Che non fu l’iPhone, l’iPad o il Mac, ma un modo di concepire la tecnologia e il futuro.