Contenuto riservato agli abbonati

Il festival di Bologna scommette su Cason: sostegno alla produzione de “Le Etiopiche”

L’autore: porto in scena un’idea di Europa afro-asiatica nella consapevolezza delle proprie origini e del proprio presente

IL RICONOSCIMENTO. Dalle prime esperienza col Tib al successo nella finale 2021 dello Scenario festival di Bologna. Il giovane regista e coreografo bellunese Mattia Cason ha portato in scena un’anteprima dello spettacolo “Le Etiopiche” (per i quale ha curato regia, coreografie e testi); ora questo successo apre la strada alla realizzazione dell’opera completa e, si spera, dell’intera trilogia della quale fa parte.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Carabinieri sulle piste da sci del Bellunese, tra soccorsi e controlli

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi